Visite  Pastorali

Dall’Archivio della Curia Vescovile si sono ricavate alcune note particolari delle Visite Pastorali alla Parrocchia di Cadeo. 

1-   Visita del Card. B.Paolo Burali,  30 agosto 1576 

2-   Visita di Giov.Battista Castelli, 3 agosto  1579.  Ricorda che la Parrocchia dipende dai Canonici Regolari di S.Agostino di Piacenza e che la Chiesa consacrata e le persone sono in tutto 633. La cura delle anime fatta dal prete Alberto Borianum. Parla poi di un hospitale dipendente dal Monastero e ordina di provvedere per questo 4 letti. 

3-   Visita di Alessandro Scappi,   5  giugno  1638. Curatore della Parrocchia Pietro Francesco Selvatico, Canonico regolare. Le persone sono circa  700 che poi nel 1644 salgono a  1.000. 

4-   Visita di Giuseppe Zandemaria,  29  maggio  1656. La Parrocchia curata da P. Valeriano Zamperino da Imola, sempre degli Agostiniani. Ha avuto inizio la Compagnia del S.Rosario il 25 del mese di marzo. La chiesa non ha redditi. 

5-   Visita  di  Giorgio  Barni    16  maggio  1691. Cura la parrocchia Padre Basilio Guarinoni, degli   Agostiniani. 

6-   Visita di Gherardo Zandemaria,  16 settembre 1734. Cura la parrocchia Padre Tomaso Angeli. Le anime sono 965. 

7-   Visita di Pietro Cristiani,   26  luglio  1750. Cura la parrocchia Padre Raffaele Cattaneo. Le         anime sono 908,  di cui quattro preti e un chierico. 

8-   Visita di Alessandro Pisani,  25 ottobre 1776. Cura la parrocchia Padre Raffaele Cattaneo. Le anime sono 944. Ci sono tre campane. In parrocchia ci sono nove Sacerdoti. Nota scritta dal parroco: “Fassi la spiegazione evangelica alla messa, ma la maggior parte o fugge o sta fuori chiesa per non sentirla”.

Dell’antica chiesa di Cadeo ci sono limitate notizie. Si da per certo che era una piccola cappella facente parte del Castello posta lungo il lato settentrionale.

 L’attuale immagine della Chiesa si deve ad un importante intervento tra il 1935 e il 1955, che ha interessato le navate laterali, l’abside, la Cappella della Madonna e la sistemazione della torre campanaria, che secondo alcuni studiosi, faceva parte del castello e infine la facciata attuale ad opera di Pietro Berzolla.  L’interno stato decorato nel 1944 da Alberto Aspetti.  

 9 – Visita di Gregorio Cerati,  26 agosto 1786, Priore della chiesa, da  sei anni, Giuseppe Galli.

10 - Visita di  Carlo  Scrivani Rossi,  23 agosto  1820.  Una nota dice che gli abitanti sono 830, con due preti oltre il parroco. Prima la  parrocchia era curata dai Monaci di S.Agostino, ora da 14 anni    di libera collazione. Dal 1807 vi Priore Ralli don Domenico.

 11 – Visita di Lodovico Loschi,  26 maggio 1829. Priore   Ralli don  Domenico. Gli abitanti sono  1027.

        Accenna   che  c’  una  pensione  annua  a  carico  del  Collegio  Alberoni di S.Lazzaro.     

         In chiesa ci sono 4 altari e un sacello  della Beata vergine del Rosario con statua.

 

            

 

VAI alle vecchie foto di CADEO  - Clicca -

Web Master Riccardo Maucione